Legge elettorale: iovotofuorisede chiede voto unitario su emendamenti per il voto in mobilità

All’indomani del termine della presentazione degli emendamenti alla legge elettorale, appare chiaro che
l’unico emendamento rimasto sul campo per introdurre il diritto di voto in mobilità in Italia é quello
presentato da Pierpaolo Vargiu di SC che risponde in toto a tutte le nostre richieste.
I deputati del PD, che pure avevano annunciato e presentato dei simili emendamenti in materia, hanno
deciso di ritirarli insieme a tutti gli altri emendamenti per dare spazio all’intesa con FI dichiarandosi pronti a presentarli nuovamente in aula.
Tuttavia anche i Giovani Democratici sono insorti ed hanno lanciato una petizione contro questa decisione
che rischia di essere fatale per questa svolta storica nel nostro sistema elettorale che restituirebbe il diritto
di voto ad oltre un milione di cittadini.
Facciamo dunque appello a tutte le forze politiche e in special modo ai deputati del PD affinché ascoltino il
loro stesso popolo e votino gli emendamenti presentati dal gruppo di SC.
Nessuno può assicurare che il percorso in Aula non si trasformi in un Vietnam dato il precario equilibrio sul
quale si regge l’attuale accordo tra PD e FI e non c’é nessuna buona ragione per rimandare ancora una volta
alle calende greche una riforma che chiediamo da oltre 5 anni.
Chiediamo perciò anche al segretario del PD, Matteo Renzi, di dare il consenso del suo partito a questo
emendamento in modo da lasciar liberi i deputati PD di appoggiarlo in Commisione.
Non é l’emendento di un gruppo politico ma di tutti i cittadini.
Chi si vuole davvero prendere la responsabilità di ostacolare questa grande riforma che aumenta la
partecipazione dei cittadini alla democrazia?

Lo sapremo tra pochissimo, verificheremo al di là delle buone intenzioni dichiarate come voteranno i singoli
partiti di fronte a quello che è l’emendamento di tutti i cittadini che sono in questo momento privi di
effettivo diritto di voto.