L’onorevole Occhiuto (UDC) presenta un ddl per il voto fuori sede ai Referendum

Importante progetto di legge presentato dall’onorevole Occhiuto (UDC) alla Camera per il voto degli studenti e lavoratori fuori sede ai Referendum.
L’impianto della legge si basa, così come quello presentato al Senato dal senatore Ceccanti (PD),  sul voto per corrispondenza ai Referendum per gli studenti ed i lavoratori che si trovano a studiare o lavorare in una regione non limitrofa alla propria regione di residenza
Finalmente la problematica del voto dei fuori sede sta cominciando ad entrare nel dibattito parlamentare, e cosa importante, con iniziative provenienti da partiti politici di tutto l’arco parlamentare.

La nostra attività di sensibilizzazione ininterrotta da 3 anni a questa parte da quando lanciammo la petizione nell’ aprile 2008 sta finalmente iniziando a dare dei frutti concreti, ma la battaglia è ancora lunga e dobbiamo essere compatti, numerosi e perseveranti nel portare avanti le nostre richieste.
Le proposte di legge
presentate finora sono un importantissimo passo avanti ma sono insoddisfacenti.
In primo luogo perchè riconoscono il diritto di voto del cittadino in mobilità solo ad alcune categorie di persone ( agli studenti il ddl Ceccanti per le Politiche e le Europee, anche ai lavoratori il ddl Occhiuto per il Referendum) e non a chiunque ne faccia richiesta a prescindere dalla sua condizione professionale.
In secondo luogo perchè il voto per corrispondenza è un metodo che presenta diverse criticità dal punto di vista della sicurezza e libertà di voto, essendo un voto non presidiato durante la sua espressione.
Perciò il prossimo obbiettivo che ci poniamo di raggiungere è realizzare una proposta di legge basata sulla metodologia usata in Danimarca, il cosiddetto voto anticipato, che è quello che meglio si adatta al nostro ordinamento giuridico sia per fattibilità che per garanzia della sicurezza del voto così come indicato nello studio fatto dalla dott. Rampulla.
Chiederemo poi alle forze politiche presenti in Parlamento di portarlo avanti nelle sedi opportune: vogliamo giungere al prossimo appuntamento delle elezioni Politiche del 2013 con la possibilità di esprimere, anche noi fuori sede, il nostro voto, cosa che fino ad ora ci è stato di fatto negato .
Chiunque voglia partecipare e dare una mano in questo non facile obbiettivo non esiti a contattarci alla mail iovotofuorisede@gmail.com