fbpx

Ceccanti (PD) propone il voto per gli studenti fuori sede al referendum del 12 giugno

Sei qui:Home > News > Ceccanti (PD) propone il voto per gli studenti fuori sede al referendum del 12 giugno

Il senatore Ceccanti del Partito Democratico ha proposto il voto per gli studenti fuori sede al referendum del 12 giugno del 2011 con degli emendamenti al DDL 2680 intitolato “Conversione in legge del decreto-legge 11 aprile 2011, n. 37, recante disposizioni urgenti per le commissioni elettorali circondariali e per il voto dei cittadini temporaneamente all’estero in occasione delle consultazioni referendarie che si svolgono nei giorni 12 e 13 giugno 2011“.

Ceccanti con i suoi emendamenti propone tre ampliamenti del diritto di voto per questo referendum indetto col DDL 2680:

1) voto per gli studenti fuori sede in una regione che non sia limitrofa a quella di residenza;

2) voto per i volontari e il personale di organizzazioni non governativi che si trovano all’estero;

3) studenti universitari e dottorandi iscritti ad università estere;

Purtroppo ancora una volta tutti i lavoratori fuori sede saranno costretti a pagare di tasca loro in termini di denaro e tempo per esercitare un loro diritto, non essendo nominati nelle 3 fatispecie.
Ci auguriamo che nel dibattito in Commissione venga data anche a noi centinaia di migliaia di lavoratori atipici e precari e proprio per questo fuori sede la possibilità di votare tramite un emendamento ad hoc.
Seguiremo da vicino gli sviluppi di questo DDL che deve essere convertito in legge entro il 10 giugno.

Per quella data sapremo se per la prima volta in Italia verrà garantito in qualche forma il diritto di voto dei cittadini in mobilità.

Ultimi tweet

Torna in cima