Anche i pensionati chiedono di votare fuori sede

La nostra società è molto più varia e composita di quello che i nostri politici riescano a pensare.
Chi l’ha detto che la mobilità riguardi soltanto il mondo giovanile?
Può capitare di essere un pensionato e di prenotare un viaggio con molto anticipo per risparmiare (se sei un pensionato quello è un requisito fondamentale per concedersi un viaggio, d’altronde) e poi ti fissino un’importante tornata elettorale proprio mentre sarai in viaggio.
Ma dove sta scritto che chi viaggia, specialmente sul territorio nazionale, deve rinunciare a partecipare agli eventi democratici del Paese e rinunciare al più importante dei suoi diritti civili?
Possibile che la politica non riesca a percepire queste semplici considerazioni?

Di seguito la mail di Silvia Ferretti per i suoi pensionati di Besnate

A: Webmaster
Da:Silvia Ferretti
Messaggio:
Il gruppo pensionati del mio paese (Besnate -VA) è in ferie a Rimini
a cavallo dei referendum.
Alcuni sono molto dispiaciuti di non andare a votare, ma avendo
prenotato mesi fa…
Si può fare qualcosa? Per quante persone?
Io sono disponibile a far compilare moduli etc, gradirei però se mi
lasciaste un recapito telefonico, perché dovendo far da ponte con
altre persone potrei incontrare domande per cui non ho risposta!
Grazie in anticipo
Silvia Ferretti